Richiedi un preventivo
Fare SEO in inglese

SEO in inglese: perché è importante

Ogni impresa che abbia a cuore la propria presenza web per i mercati esteri ha la necessità di affidarsi ad agenzie di traduzioni specializzate per tradurre i diversi tipi di testo in molteplici lingue e ottimizzarli in ottica SEO. Siti online, e-commerce, cataloghi, manuali d’istruzione, tweet, post per i social e per il blog: non si tratta di contenuti che è possibile tradurre semplicemente avvalendosi di un traduttore automatico, perché per ciascuno di essi occorre possedere competenze linguistiche e tecniche specifiche.

Per intenderci, non basta conoscere l’inglese per proclamarsi esperti di traduzione e occuparsi in maniera autonoma della trasformazione in lingua inglese del proprio sito web aziendale. Il rischio è quello di sviluppare contenuti non in linea con il linguaggio e la cultura della clientela estera che si vuole raggiungere. Per captare, quindi, gli interessi e le esigenze del pubblico straniero (ampliando, così, target e fatturato), bisogna avvalersi di ottime traduzioni e dell’ottimizzazione SEO dei testi in lingua inglese.

Il valore delle keyword

Il compito dell’agenzia di traduzione specialistica è quello di realizzare traduzioni SEO friendly per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca del sito web aziendale. La sigla sta per Search Engine Optimization (ottimizzazione per i motori di ricerca, appunto) e si basa sulla strategia delle keyword, cioè delle parole chiave, cruciali per essere rintracciati online in tutto il mondo.

I contenuti da offrire al target devono intercettare le sue query di ricerca e garantire una risposta utile ai suoi problemi: i testi scritti e tradotti badando all’ottimizzazione SEO devono farsi trovare dagli utenti. Le keyword da usare per il proprio sito online svolgono proprio questa funzione.

Cosa significa fare SEO in inglese

Fare SEO in inglese significa aggiungere al proprio progetto di traduzione parole chiave, titoli, testi ancora, meta description e altri dettagli. L’obiettivo è quello di scalare la SERP dei vari motori di ricerca, affinché il sito web aziendale possa posizionarsi tra i primi risultati e arrivare così a un pubblico sempre più vasto nei diversi paesi d’interesse.

Produrre traduzioni SEO oriented aiuta ad aumentare la visibilità dei prodotti e dei servizi sui motori di ricerca del paese di destinazione. Raggiungere le prime posizioni della ricerca permette, infatti, di attirare il consumatore straniero, aumentando la possibilità che clicchi proprio sulla propria pagina web.

SEO in inglese vs SEO in italiano

Ottimizzare un sito in inglese è diverso rispetto al medesimo procedimento messo in atto per i testi in italiano. Questo significa che la SEO in inglese non è uguale a quella in italiano: se tradurre il sito nella propria lingua madre accresce la fiducia dell’utente nei confronti dell’azienda, è anche vero che presentarsi ai nuovi clienti significa prestare attenzione alle parole da loro maggiormente usate e ricercate per parlare dei servizi o dei prodotti offerti. Le cosiddette keyword, appunto.

Leggi anche: Perché avere un sito multilingua è indispensabile

Come detto precedentemente, il compito della scrittura in ottica SEO è quello di offrire agli utenti una risposta utile alle loro ricerche e ai loro problemi, questo vuol dire che le strategie in merito devono tener conto della lingua di chi si trova dall’altra parte dello schermo.

Per questo motivo non ha senso pensare in italiano anche quando ci si appresta ad affrontare un progetto di traduzione in lingua inglese. La cultura di un italiano è diversa, per esempio, da quella di un americano, quindi per poter produrre traduzioni in inglese ottimizzate SEO occorre conoscere il background culturale dei lettori stranieri, adattando alla loro lingua, alla loro cultura e al loro modo di esprimersi il linguaggio specifico da usare.